29 Nembonume 269 - Guerra a Ceoris!

- 1 Girithron -

Ogni elfo intento nel suo lavoro si fermò ad ascoltare quel grido, quel stridulo richiamo.
Ogni elfo alzò gli occhi al cielo, e vide una Splendida Aquila Reale che volteggiava sulla Verde emettendo il suo suono.
Ogni elfo ne conosceva il significato: GUERRA!
Questo era il messaggio che l'Aquila Reale portava in tutto il Sacro Bosco di Earlann.

Il popolo Sindar quella sera marciò silenzioso fino ad Ilkarim,
dove si radunò alle truppe della Splendente e della Perla,
ed assieme marciarono sul villaggio di Ceoris,
difeso da alcuni Mezzelfi e da un gruppo di combattivi Nani,
ed ottennero una schiacciante vittoria.

Annali della Verde

29 Nembonume 269 - Il ritorno di Phatho e l'allarme per la Statua del Drago

-25 Hithui -

L'Ex-generale della Verde dopo un lungo perigrinaggio fece ritorno alla sua amata Patria,
ed avvisò di un pericolo imminente da parte dei Drow:
Avevano intenzione di rubare la Statua del Drago Smeraldo,
di colpire al cuore i cittadini di Tiond.

Subito la Lasse Calen avvertita di ciò informò il Mal Loki del pericolo,
e fece urlare la strillona Olivette per avvertire la popolazione.

Annali della Verde

16 Nembonume 269 - Proclama di Lutto cittadino

- 18 Hithui -

*L'urlo della Strillona riempì la piazza*

Udite Udite!
La nostra Regina Lasse Calen,
Proclama 5 giornate di Lutto Cittadino
A causa delle strage compiuta dai Drow
Ai danni delle nostre sorelle abitanti il paesino di Ilkarim.
Si chiede dunque ai Cittadini
Di vestire con tuniche o abiti scuri,
e di pregare per l'anima delle nostre Seler uccise.

Annali della Verde

15 Nembonume 269 - Rapporto su Attacco Drow a Ilkarim

- 18 Hithui -

*Un messaggio viene recapitato alla Lasse Calen*

Lasse Calen,

Oggi 14 Nembroume siamo stati avvertiti da una Drow, che poi ho saputo chiamarsi Slevey, che il suo popolo avrebbe attaccato Ilkorin. Come ci aveva detto Slevey la sera ci siamo recati a Ilkorin, quando un altro Drow ci raggiunge e ci avverte che le elfe di Ilkorin erano state rapite e portate al loro vecchio rifugio, ci siamo spinti alla caverna Drow a Nord di Tiond e lì siamo stati "accolti" da Mal'Even che dopo aver ricattato più volte la Bianca Dama, ci attacca.
Comunico con Estremo dispiacere che tutte le elfe rapite sono state uccise dai seguaci di Mal'Even.
Non potendo più fare nulla per le nostre povere sorelle, siamo tornati ad Ilkorin dove siamo stati attaccati da altri Drow che sono stati tutti sconfitti dalle forze unite di Tiond, Ondolinde e Rotiniel. Cessato il pericolo, siamo tutti rientrati alla Verde per riunirci in preghiera per le nostre sorelle brutalmente stroncate.

*firmato*
Shaito

Annali della Verde

13 Nembonume 269 - [Amon] Promozioni

*Affisso ad ogni muro del centro di Amon.*


E' con orgoglio che la città accoglie cinque nuove nomine:

Rufus Mark viene promosso Legionario,
Kevin Silverhawk viene promosso Vice Tribuno Militare,
Golrick viene promosso Tribuno Arcano,
Iurio Helmachis viene promosso Vice Tribuno Arcano,
Sistrel viene promossa Senatrice.


Sia il loro esempio di sprone a tutti: sia simbolo di come un comportamento retto e coerento con gli ideali cittadini possa portare al riconoscimento ufficiale dei propri meriti.
Sia soprattutto una lezione di vero Spirito Amoniano per tutti.

Cronache di Amon

9 Nembonume 269 - Cerimonia di Cittadinanza

- 12 Hithui -

Quest’oggi alla ventunesima si è svolta la Cerimonia di Cittadinanza per tre nuovi fratelli.

I tre giovani novizi, ora neo cittadini, sono Sariya Illithor, Delerion e Gilraen, gli ultimi due fratelli di sangue e di razza mezz’elfica; la cerimonia ha avuto luogo in Alta Nosse in presenza della Lasse Calen e di molti altri Sindar giunti li per l’evento.

Essi al termine del loro percorso sono stati ritenuti degni dai loro mentori di entrare ufficialmente a far parte di Tiond come veri e propri cittadini ed hanno prestato giuramento verso la Verde Tutta.

Il primo atto della cerimonia è stato il giuramento pronunciato nella lingua dei Padri, a questo è seguita la restituzione del mantello da novizio, simbolo del cammino appena concluso, sostituito dal Manto Orifoglia, simbolo di Tiond; in fine i novizi hanno posto le loro mani sull’antica pietra ed il loro nome è stato inciso su di essa insieme a quello di tutti gli altri cittadini.

Al termine del rito ognuno dei tre novizi ha esposto con poche e semplici parole i sentimenti di profonda gratitudine e devozione nei confronti dei fratelli ringraziandoli per la fiducia conferitagli, al termine delle quali sono seguiti battiti di mani e parole di incoraggiamento.

Un lauto banchetto ha concluso in modo gioioso il fausto giorno.

Annali della Verde

17 Orifoglia 269 - [Amon] Chiusura della festa e premiazioni

*Strilloni portano la notizia in ogni città di Ardaria in cui amoniani abbiano libero accesso.*



Udite Udite!!!


La festa della Vittoria è terminata a Amon con la consegna delle onorificenze per i meriti acquisiti durante il conflitto.

Per l'impegno in ambito civile son stati premiati dalla Governatrice i Cives:
Shala Mc Brain,
Ivan Carnot,
Cristian de Rose,
Riven,
Evelyn M. Reventlov.
Questi han ricevuto un presente e la medaglia intitolata ai Leoncini di Amon.

Per l'impegno in ambito militare son stati premiati dai Consoli i Legionari:
Raimond Lamber,
Vhan Nightwolf,
Inge,
Neawillo,
Testenio,
Golrick,
Nicolaj Todilit,
Kevin Silverhawk,
Nefer Deer.
Questi han ricevuto la Stella d'Oro al Valore.

Questo periodo di festa si ripeterà ogni anno per commemorare la vittoria delle forze unite di Amon e Helcaraxe nei confronti di Hammerheim e della sua alleata Ondolinde.
Con la chiusura della festa, dalla mezzanotte di oggi, decadono i permessi di ingresso a favore di elfi e nani: la Lex torna ad esser applicata in tutta la sua interezza.

Sia gloria e onore al valore di Amon!!

Cronache di Amon

15 Orifoglia 269 - Annuncio di Bando

- 17 Narbeleth -

*Paggi vengono inviati per il Doritah ad affiggere fini missive.
La stesse missive vengono consegnate alle regnanze di Ondolinde e alla Gran Maestra del Tempio di Rotiniel*

Udite Udite!!!
Da oggi 14 Orifoglia è bandita dalle terre elfiche di Tiond l'elfa quenya di nome Elanor.
Ella ha più volte rinnegato i Veri Dei dinnanzi alla Lasse Calen ferendola poi al volto.
Che i suoi passi non siano più indirizzati verso l'Hildoriath, che il suo volto non sia più scorto nei possedimenti elfici di Tiond.
Così la Lasse Calen ha deciso!

Annali della Verde

13 Orifoglia 269 - Annuncio di Bando

- 15 Narbeleth -

*Paggi con le insegna della Verde vengono inviati in giro per il Doriath ad appendere fini pergamene.*

Udite Udite!
Da oggi 12 Orifoglia 269 viene bandito dalle terre della Verde Tiond l'elfo sindar di nome Kaspar Winkler.
Egli dopo aver ripetute volte infranto la Via Elfica è stato giudicato non degno di esser considerato un fratello.
Che i suoi occhi mai più possano scorgere le Verdi fronde di Tiond, che i suoi passi mai più siano volti verso la foresta sacra di Earlann.
Così il Popolo Sindar ha deciso!

Annali della Verde

6 Orifoglia 269 - Editto di Amnistia

*Avvisi vengono appesi alle entrate dell'Impero Amoniano e banditori vengon mandati nelle principali città a urlare quanto segue:*



Udite Udite!!!

In virtù della vittoria valorosamente conquistata sul campo e come atto di clemenza sovrana, si procede ad amnistiare e ad annullare tutti i Decreti di Bando tutt'ora vigenti salvo quelli per Eresia.

Che tale decisione sia occasione di riflessione e ravvedimento per chi ha violato la Lex!

Dopo tale dimostrazione di Clemenza, Amon brandirà di nuovo la Spada verso tutti coloro che si metteranno nelle condizioni di essere, per nuovi motivi, puniti.

Cronache di Amon

6 Orifoglia 269 - Amon e Helcaraxe vittoriose

*Strilloni urlano la notizia per la città*


Udite Udite!!!

Ieri sera, 5 Orifoglia, le flotte di Amon e Helcaraxe hanno annientato la potenza navale di Hammerheim.
Questo, unito al fatto di aver già decimato l'esercito unito di Hammerheim e Ondolinde nella battaglia precedente, concede la vittoria a Amon e a Helcaraxe.

Gioite Amoniani: la guerra è conclusa con la nostra vittoria!!
Con questa vittoria Amon, la Guerriera, riconquista la cittadina di Seliand. Già ieri sera le guardie hammin son state allontanate e un folto gruppo di soldati amoniani ha preso possesso del nuovo avamposto.

Che questo sia l'inizio di una nuova epoca per Amon: una nuova era in cui risplendano sempre più l'onore e la gloria che solo la la nostra fiera città sa mostrare.



Fino alla fine fedeli alla città!
Usque ad finem urbi fidelis!

Cronache di Amon

22 Solfeggiante 269 - La prima vittoria

*strilloni urlano la notizia per la città*

Gioite popoli di Amon e Helcaraxe!!
Ieri sera l'esercito nordico e la Legione amoniana hanno spazzato via la resistenza hammin penetrando nel territorio delle Westlands e portando la morte a quanti si opponevano alla nostra giusta causa.
Non è comunque questo il tempo dei facili compiacimenti: si è vinta una battaglia ma la vittoria nella guerra è ancora lontana.
Affilate quindi le vostre armi soldati e siate pronti: la vittoria finale è a portata di mano e sarà nostra!

Cronache di Amon

19 Solfeggiante 269 - [Hammerheim] Proclama alla Popolazione Hammin ed Ardania tutta: TRADITORI!

*Strilloni vengono inviati per le vie della capitale ad urlare a gran voce il messaggio alla popolazione. Altrettanti vengono inviati a diffondere la notizia per le terre dell'Impero e per quelle di regni neutrali o amici. Proclami vengono affissi nelle bacheche imperiali, nella caserma, nella sede dell'Ordine, in ogni Gendarmeria e presso l'abitazione di ogni singolo cittadino Hammin.

Una copia di questi viene inviata ai governi di Ondolinde, Tiond e Rotiniel.

Ogni proclama è autenticato dal sigillo imperiale.*



Popolo di Hammerheim,

Gente di Ardania tutta.


E' un giorno triste per noi.
Un giorno di lutto per tutti quelli che credono nella libertà e nella giustizia.
Un giorno terribile per tutti quelli che su questi valori hanno fondato e fondano la propria vita.

Non bastavano infatti le fredde mire di conquista di due popoli che bramano solo potere, ricchezza, terre e sangue.
No.
In questo buio giorno in cui siamo chiamati a difendere le nostre case da due popoli invasori, anche i vermi e gli sciacalli hanno tirato fuori la testa dai loro anfratti immondi e si preparano a banchettare delle nostre carni.
Vermi e sciacalli che facendosi scudo di parole come patria e onore approfittano vilmente della guerra in corso per cercare di abbatterci definitivamente e riprendere l'unica cosa che gli interessa: il potere.
Infide serpi che hanno svenduto le proprie madri ai nemici di sempre del nostro Popolo.
Esseri ripugnanti che invece di DIFENDERE la terra che dicono loro preferiscono vederla dilaniata e conquistata pur di facilitarsi il compito di levarla a chi la abita.
Si definiscono uomini, ma come luridi scarafaggi e scorpioni strisciano fuori dai loro nascondigli nell'ora più buia per contendersi i resti del banchetto.
Sciacalli immondi, incapaci di ottenere qualcosa con le proprie capacità.
Sciacalli e vermi, nient'altro che questo, capaci solo di comportarsi come tali.

E a tali sciacalli si è unita la peggiore feccia della nostra società: traditori camuffati da soldati, da abili maghi o semplici funzionari.
Gente che ha a cuore solo fama, potere e denaro.


In guardia popolo di Hammerheim!

Lars Dragon a capo di un gruppo di traditori, dopo aver diffuso falsità e calunnie al fine di destare una non precisata ostilità nei confronti della corona, ha osato svendere informazioni, risorse, nonchè uomini e terre a chi non desidera altro che il male per questo Impero, per la nostra gente, per i nostri figli.

Lars Dragon e Fergus Rhaylith, a capo di un gruppo di vecchi lealisti al governo di Grifis e di alcuni traditori tra i quali spicca l'ex gendarme Arlan McFee, mirano a sfruttare vilmente l'attuale conflitto in corso, col tacito supporto di chi ha invaso le nostre terre e ucciso i nostri figli, al solo fine di conquistare la Capitale del nostro Impero e gettare le Westlands in un nuovo e atroce vortice di terrore e ingiustizia.

La loro stoltezza, con la quale sempre si sono distinti, ha fatto sì che queste informazioni ci giungessero in tempo. In tempo per reagire, in tempo per impedire a questi inetti di mettere in atto il loro folle piano di conquista.


Cittadini delle Westlands, uomini liberi di Ardania tutta!

Genti convinte che i principi morali debbano venire prima dei biechi interessi personali, di soldi, di fama e potere!

A voi tutti chiediamo aiuto e sostegno!

In questa ora buia per il nostro Popolo chiediamo e invochiamo il supporto di chiunque si sia mai dichiarato Amico del Popolo delle Westlands. Di tutti i cittadini abili nelle armi che intendono combattere per la propria patria!

Affinchè non sia permessa la svendita di case, uomini e terre a chi trama nel buio.

Affinchè gli unici principi che possono dare veramente orgoglio a un Popolo, ovvero ONESTA' e LIBERTA' non divengano semplici parole su carta stracciata.


POPOLO DELLE WESTLANDS

Che da oggi nessuno di essi osi fare più ingresso nella Capitale del nostro Impero!
Che costoro vengano ricercati dalle truppe imperiali in ogni angolo d'Ardania, venga ad essi impedito di nuocere in modo alcuno, distrutto ogni accampamento, dato fuoco ad ogni covo e uccisi i militanti nelle loro fila!

Mai nessuno oserà levare la spada contro il popolo di Hammerheim, senza che esso reagisca.
Non ci piegheremo mai a nessuno che avrà come pretesa quella di portarci via ciò che è nostro.
Nessuno che abbia come pretesa quella di toglierci la nostra casa, la nostra famiglia e la nostra vita.

In nome di Hammerheim, del suo popolo e dei suoi Sovrani. L'imperativo è COMBATTERE.

In alto le armi!
Impugnamole ancora una volta.
Per le nostre case.
Per la nostra vita.
Per tutto ciò che crediamo giusto.


*Ogni proclama reca la firma in calce dei Sovrani*

Lord Hangius, Lady Charis

11 Solfeggiante 269 - Un'entità Drow colpisce la regina

- 14 Ivanneth -

Nella giornata odierna a Tiond cè stata una riunione di cittadini in Alta Nosse per discutere delle preoccupanti condizioni di salute della Lasse Calen Kiya Galenceleb.

Pare infatti che qualche giorno prima un Mutaforma, essere malvagio che prende le sembianze dei fratelli, sia apparso a Tiond e abbia preso le sembianze dapprima di un fratello eppoi della Regina Kiya. Dopo aver avuto un faccia a faccia con il suo sosia, la regina si è sentita male e in preda al delirio ha attaccato alcuni fratelli, infine è stata portata di peso a casa sua da Taurdil. Febbricitante, il giorno dopo la Lasse Calen non ricordava assolutamente nulla.

Il Turnar en'Haran informato dei fatti indiceva dunque questa assemblea, durante la quale si ascoltarono i pareri dei fratelli e in particolar modo il parere di Luxor su questa entità e si presero alcune iniziative per proteggere la Regina e salvarla dal Mutaforma.

Annali della Verde

28 Antedain 269 - Proclama della Diocesi di Hammerheim

* un lieto annuncio viene proclamato per le strade e nelle piazze dell'Impero ed identico proclama affisso su tutte le bacheche imperiali *

Rallegrati ed esulta o popolo delle Westlands poichè una grazia divina è discesa dal cielo a benedire le nostre terre. Effondi canti di lode a Crom il Giusto poichè Egli ha steso la sua mano potente ed ha concesso il Suo aiuto a chi Lo ha invocato con fede.
Rendi a Lui onori e lodi poichè ha soccorso i nostri augusti sovrani nella tribolazione, minacciati dal signore delle ombre.
Il nome di Crom, sua maestà l'imperatore, invocò nel pericolo perchè lo sostenesse e restituisse sana e salva alla libertà la nostra amatissima sovrana.
Così la Sua ira tremenda si abbattè sui servitori dell'oscuro, e su di loro la Sua sacra furia cadde come un castigo divino ricacciandoli nei fetidi antri sotterranei nei quali dimorano.
Ma non fu questo l'unico dono elargito. Poichè ricevere l'ausilio divino non cambia solo la storia di un uomo ma anche il suo cuore, il nostro augusto imperatore mosso da infinita riconoscenza e rinvigorita fede, fece voto di obbedienza a Crom ed ad esso consacrò la sua vita, ricevendo i sigillo sacro ed il dono della preghiera.
Adesso la sua via è quella di Crom il Giusto, egli è un Suo servo. Rallegrati o popolo delle Westlands! Possa il suo esempio infiammare di fede i cuori degli uomini e suscitare nuovi servi degli dei veri e giusti e della chiesa.
Lode e gloria agli Dei !

Amonosis, Vicario della Diocesi