Dal 2001, probabilmente il miglior gioco di ruolo online





Seguici su Facebook!

Votaci su GDR-online.com

hit counter

Votaci su UOShards

  Untitled Document

I misteri di Ardania

Perché dovreste credere ad un libro, riguardo cose che avreste sempre voluto sapere? Non chiedetelo a me. Non saprei davvero cosa rispondervi, se non che io non do mai redito ad un libro, do credito allo scrittore. Questo libro è stato scritto da me, Gartax. Alcuni mi chiamano il Saggio, altri l’immortale, alcuni altri pronunciano bisbigliando il mio nome e mi temono come se fossi diverso da loro. Forse lo sono. Forse è vero e magari vengo da un luogo lontano. Forse quel che si dice di me, che non sono un uomo, è reale. Poiché nessuno potrebbe vivere più di 20 generazioni. O forse vi scrivo questa premessa perché sono un vecchio egocentrico un pochino svampito? Se state leggendo questo scritto però non è certo per comprendere me, ma per sete di sapere. Vi offro queste righe da bere allora, sperando di dissetarvi, perché forse comprenderete:

 

Non c’è modo oggi, di comprendere nella sua totalità la composizione dell’Argenjaly. In realtà non c’è modo per i contemporanei neanche di risalire all’epoca in cui la parola Argenjaly era un vocabolo di uso comune. Dopo il periodo dei falò senza luce si è perduto anche l’ultimo scampolo dell’antica saggezza che derivava dai primi signori del mondo da noi abitato, un mondo che abbiamo ribattezzato Ardania. Io sono uno degli ultimi tre saggi, e prima di me ve ne erano molti e dai molti io ho imparato, anche per tradizione orale, ciò che è stato. Offro a voi una parte del mio sapere, perché è giunto il tempo, e per farlo debbo cominciare dall’inizio. Un inizio molto lontano. La parola Argenjaly significava nella lingua del primo popolo “fin dove arriva lo sguardo”. Molti penseranno che è corta per racchiudere quella frase, ma non sto scrivendo una lezione di etimologia. Sappiate comunque che la cultura del popolo che voi chiamate Elfi, e che all’epoca chiamava se stesso YIu (cioè “l’insieme”), aveva raggiunto picchi inimmaginabili. Aveva anche sviluppato un linguaggio complesso e contratto che permetteva di discutere pronunciando pochissimi vocaboli (che nella loro totalità erano centinaia di migliaia). Faccio questa premessa per dirvi che quel che è scritto in questo libro non è un insieme di intuizioni, ma una realtà tramandata da un popolo che dominava il sapere anche di luoghi lontani. L’ Argenjaly, come loro lo intendevano, comprendeva non soltanto Ardania, ma anche la sua luna e le sue Belenill. Si intende quindi per Argenjaly anche tutto quel che è conosciuto al di fuori di Ardania, ma che l’uomo è riuscito ad individuare. Proverò nelle descrizioni ad essere il più spiccio possibile, per farvi comprendere concetti a volte assurdi, se paragonati alla nostra attuale posizione storica.

 

Ardania è parte integrante dell’ Argenjaly, ne è il pieno centro. Ardania difatti nella vecchia lingua, significa “il luogo da cui lo sguardo parte”. E’ composta di 4 strati (che vengono trattati partendo dall’alto):

  • La volta superiore; è lo strato più alto di Ardania e racchiude la massima parte dell’ Argenjaly. Non conosciamo più molto della volta superiore, ma vi sono delle conoscenze che non sono andate perdute. Gli antichi distinguevano alla vista 3 pianeti:
  1. Aguardar (“pianeta del fuoco perenne”) che fornisce la luce a tutte le cose. Ad oggi il pianeta non è più visibile agli uomini, ma la sua vita è dimostrata dalla stessa luce che mi permette di scrivere ora. Gli uomini amano chiamare questo pianeta l’osservatore, e leggende pagane raccontano, che quando l’osservatore chiude gli occhi il buio può avanzare per ghermire il mondo. Un giorno che l’osservatore si disinteresserà completamente di Ardania, il buio la inghiottirà per sempre.
  2. Ettanien (“Il grande globo”), visibile specialmente di notte al riflesso delle 12 sorelle (di cui tratteremo più avanti). Il pianeta risulta essere assolutamente immobile nella volta superiore e si dice che sia un mondo abitato. Forse sono soltanto leggende, ma nell’anno dei draghi, stormi di quelle creature soprannaturali volarono da Ettanien verso Ardania portando la morte e la distruzione sulle terre conosciute. Da quel giorno molta superstizione lega quel pianeta alle sventure degli uomini, ma la storia che vi ho appena scritto non viene creduta, se non attorno ad un fuoco di fanciulli. Gli uomini sono soliti chiamare il pianeta “Sventura”, ma ancor più spesso non lo nominano affatto.
  3. Derit (“anello di smeraldo”) è il terzo pianeta, ed è visibile oggi soltanto dal telescopio della splendente, anche se non più in maniera chiara. La magia del telescopio è antica e la sua lente non basta a raggiungere il pianeta. E’ un pianeta di cui non conosciamo nulla e che al momento appare oscuro e poco nitido. Viene tramandato tra i saggi che esso venne chiamato a questo modo, poiché alla vista aveva un colore verde, che sfumava al centro verso l’azzurro.
  • Nella volta superiore è presente anche un piccolo pianeta satellite di Ardania, chiamato “Nut” (“bocciolo”), che ora gli uomini chiamano luna. La vicinanza di questo pianeta e della corona dei re (di cui tratteremo più avanti), sembra poter agire in qualche maniera sull’irrequietezza dei mari e dei venti. Su questo al momento non mi sento di esprimere alcun giudizio, ma il rapporto sembra essere molto stretto.
  • L’ultima parte della volta superiore degna di trattazione accademica è quella formata dalle Belenill (“luci nel cielo”). Durante la notte oltre alla maestosa presenza di Ettanien sono visibili alcuni insiemi di Belenill (o nell’attuale gergo umano fuochi lontani). Alcune hanno avuto dei nomi nel corso della storia, ma per i più non sono che punti di riferimento o mezzi di illuminazione notturna. Guardando la volta superiore durante la notte, si viene subito attratti dalle 12 sorelle. Sono 12 Belenill luminosissime, tanto da rischiarare la notte. Vengono nascoste di giorno dalla luce maggiore di Aguardar, ma nella notte divengono regine. Sono poste discretamente vicine l’una all’altra, separate soltanto da un vuoto centrale. Si dice che all’alba di tutto, ci fossero nel centro altre due sorella, scomparse da millenni. Nella credenza popolare ognuna delle dodici sorelle, corrisponderebbe ad un mese del calendario Imperiale. Si può individuare un’intensificazione della luminosità di queste, cadenzata con quei periodi dell’anno particolare per due delle sorelle. I popolani amano chiamare queste due stelle (in corrispondenza dei mesi in cui rifulgono maggiormente): Regina di Madrigale e Regina di Orifoglia.
  • Altri fuochi lontani importanti formano “la corona dei Re”. Questa formazione è una fittissima serie di luci nel cielo di luminosità variabile. Sono talmente tante, che è uso degli amanti contarle insieme nelle serate romantiche. Si dice che portino fortuna all’amor nascente. Un evento popolare nelle corti in questo periodo, vuole ricordare la notte in cui il popolo di Djare venne liberato dal suo millenario isolamento. I primi che guardando la volta superiore nella sua totalità piansero, osservando “la corona dei Re”. Si è saputo in seguito che loro ricordando la corona dei re, pensassero che fosse un oggetto reale. Una volta usciti dalle loro grotte ed osservatolo, non potettero credere che nella volta superiore potesse esserci un qualcosa che superasse in bellezza ogni oggetto mai creato. Vi è infine una Belenill chiamata Criddillé (“Signora del giusto cammino”), utilizzata dagli esploratori e dai marinai come riferimento notturno. Gli uomini usano chiamarla Speranza. Non è inusuale trovare viaggiatori che seppelliscono in terra una moneta per avere il favore di Speranza durante un lungo cammino.
    Una popolare leggenda Ondolindenore vuole che la vanità delle 12 sorelle brilli tanto da nascondere altre stelle. Questo per far si che l’antico popolo ammiri ed ami soltanto loro. Io amo credere che questo sia vero.
  • Lo strato della vita; chiamato in questa maniera perché accoglie la quasi totalità delle creature viventi su Ardania. Questo strato centrale ha vissuto molte trasformazioni alla sua creazione primordiale. Che fossero un capriccio degli Dei o che ne fosse altro la causa, questo non mi è dato di saperlo. Gli antichi tramandano che all’origine le terre erano molto più divise e che non fossero attaccate al centro del pianeta. Questo gli permetteva di navigare come enormi barche per gli immensi mari che allora non erano solcati da altri che da loro. Dopo continui scontri le une contro le altre e di enormi danni alla loro perfetta superficie, gli Dei decisero di dargli delle radici come avevano già fatto per le piante. A quella epoca le terre assunsero la forma che ora i nostri cartografi riportano. Purtroppo le terre che si scontrano non sono dissimili da due pergamene che impattano l’una contro il bordo dell’altra. Quando questo avviene difatti, una parte della pergamena si alza rispetto alla superficie, e lo stesso è accaduto per quelle terre. Tutto ciò ha portato all’innalzarsi dei monti e alla creazione della Terrumtria (“Il muro di montagne”) al centro dei nostri oceani navigabili. Il muro di montagne non ci permette di circumnavigare il pianeta, per avere la prova certa che anche Ardania sia tonda come gli altri pianeti conosciuti. La linea di pensiero generale è che comunque anche Ardania sia Tonda. E’ infatti su questo che si basa la teoria che vi espongo dei 4 strati (vedere schema sottostante).
  • La volta inferiore; è lo strato più basso, che definisce tutto ciò che si trova al di sotto dello strato della vita. Ci sono studiosi che intendono comprendere in questa volta anche le grotte, alcuni che le escludono ed altri che includono soltanto le grotte non scavate dall’uomo. Non mi fermerò a discutere su quale sia per me la teoria più valida, ma è importante ribadire il concetto di base. Tutto ciò che si trova sotto il suolo dello strato della vita, fa parte della volta inferiore. A causa di minacce sempre presenti e della difficoltà di accesso, è la parte di Ardania di cui sono state tramandate meno nozioni. I veri maestri del sapere in questo campo (elfi oscuri e nani), non si sono mai soffermati a studiarla, ma al contrario hanno tentato (con ottimi risultati) di conformare l’ambiente a quello dello strato della vita. Neanche loro quindi sono in grado di rivelarci i segreti di questa misteriosa volta.
  • Lo strato del vento e del destino; è l’ultimo strato discusso dagli antichi. Essi comprendevano in questo concetto tutte le attività non tangibili del pianeta. Associavano spesso tutto quello che non erano in grado di spiegare a questa categoria, facendola divenire un caotico insieme di elementi terribilmente complessi anche per le loro menti superiori. La tradizione ci ha fatto definire ogni influenza del pianeta inspiegabile (se non con la volontà divina) come destino, e distante da questo ci fa collocare un altro elemento naturale: Il vento. Questo era visto dagli antichi come fondante della vita, attraverso il respiro, e come collante tra lo strato della vita e la volta superiore. Ho inserito la trattazione di questo strato al termine dei 4, poiché è certo quello più controverso, specialmente se a discuterne sono i teologi.

 

Il ciclo di giorno e notte è difficile da individuare su Ardania, per la composizione della volta superiore, mai oscurata del tutto causa la presenza delle 12 sorelle. Il ciclo giornaliero è comunque universalmente diviso nelle 16 ore di luce piena (detto dei contadini di Nosper: “finché siamo sotto lo sguardo di Aguardar, si lavora!”), e nelle 8 ore delle sorelle. Le ore delle sorelle, corrispondono spesso al periodo definito notte. Questo però varia di diverse ore a seconda della parte di Ardania dove ci si trovi a vivere. Qui al Picco dell’Aquila, le sorelle arrivano molto prima che nella soleggiata Seliand.

 

Prima di trattare la storia antica del pianeta (con la cronologia degli anni dimenticati), c’è da spiegare un concetto particolarmente complesso. Per far questo devo obbligatoriamente tornare in dietro nel tempo, quando gli antichi erano in grado di utilizzare una magia che noi non siamo capaci neanche di immaginare. Ogni mago conoscerà il concetto di portale, ed è da questo concetto che bisogna partire per comprendere quella che fu la prima e più grave crisi di Ardania. Come te che stai leggendo anche gli antichi erano mossi da un’idea di conoscenza. La loro partiva però da basi diverse, ed avevano anche mezzi diversi per tentare di perseguirla. Il loro concetto di portale e la loro magia era tale da potergli permettere cose a noi inimmaginabili, cose che provocarono due reazioni che avrebbero segnato per sempre la storia del pianeta. La prima e più grande ambizione degli studiosi della Volta superiore, era quella di raggiungere i pianeti che avevano tanto attentamente studiato e quindi strutturarono una serie di portali, che utilizzando la forza della loro collettività, riuscissero a raggiungere luoghi lontanissimi. Non ci è dato di sapere cosa li rendesse così sicuri delle loro possibilità e come avessero calcolato le incognite di un tale assurdo viaggio, ma ciò che ci è tramandato è che tentarono. Essi raggiunsero tutti i pianeti a cui oggi diamo un nome, ma nessuna delle luci nel cielo. Questo poiché non ebbero modo di utilizzare nuovamente i portali che loro chiamavano Dedenjam (“Porte verso i vicini”). Nel quarto viaggio (verso il terzo pianeta e dopo aver visto gli altri compreso il Nut), si persero tutti i componenti dell’esplorazione ed il Dedenjam si chiuse inspiegabilmente. Il popolo di Yiu decise allora di sospendere i viaggi per comprendere l’origine dell’errore. Nell’anno successivo, che venne tramandato come “L’anno dei draghi”, volarono nel cielo per la prima volta queste creature. Questi enormi rettili si abbatterono a centinaia contro le difese dell’antico popolo, ma molto riuscirono a distruggere creando una profonda cicatrice in una cultura unica e pacifica, che non aveva mai vissuto una guerra in cui il valore dell’avversario era quantomeno pari al suo. Si dice che da quel giorno i Draghi dimorino su Ardania (e si fa risalire l’avvento del Drago di
smeraldo a questa data). Non mi dilungherò oltre su questo argomento che fonde la storia con la fantasia. Vanno spese però parole per il periodo che seguì. La guerra e la distruzione fecero scattare la molla della paura e la volontà di rafforzarsi negli Yiu. Ci fu quindi un periodo di decadenza culturale, che creò lo spazio adeguato alla creazioni di terribili armi da guerra e di micidiali magie. Per evitare ogni possibile minaccia, assoggettarono al loro dominio ogni razza conosciuta, sotto il forte giogo del loro potere e la morsa della paura. Il dominio totale fece sentire tanto forti questi nostri predecessori, che nella loro follia decisero di fare una scoperta ancor più grande di quella dei propri vicini. Essi vollero scoprire l’origine degli Dei, non sentendosi poi molto inferiori a loro. Come per scacciare il loro passato infausto essi progettarono di nuovo dei portali, ma non per coprire delle distanze conosciute, ne fecero per raggiungerne di sconosciute. Utilizzando i poteri del Cludmessy (“signore dei divinatori”) essi riuscirono a creare 8 portali che si aprivano nei principiali Luoghi di esistenza oltre all’Argenjaly visibile. Inoltre riuscirono a costruirne 4 che si aprivano verso altre realtà su Argenjaly diversi. Questo fu il più grave errore che commiserò gli antichi e la più grande benedizione per l’uomo. I portali rimasero attivi per 61 anni, che si ricordano come “I 61 fiori di tomba”. A nessuno di quegli anni venne dato un nome. Gli antichi scoprirono cose incredibili sulla struttura del creato, ma pagarono queste scoperte a caro prezzo. Dopo 61 anni di ricerche presso i 8 Dedenjam sui Luoghi, si sentirono pronti a viaggiare attraverso i 4 Dedenjam verso i diversi Argenjaly. Quando questi furono aperti ed attraversati, gli Antichi cominciarono a conquistare le altre razze ed a sottometterle ai propri voleri, cominciando a credere veramente di poter dominare su ogni cosa. Fu quello il momento in cui gli Dei scesero a difendere i loro mondi. Si tramanda che furono quelli i giorni in cui i nani giunsero su Ardania, e si narra che per più di 2700 anni gli elementi di ogni mondo si scontrarono per preservare la propria natura. Nulla di questo può essere certo creduto, ma la tradizione lo tramanda, ed io rappresentandola non posso fare altrimenti. Dopo questi millenni di lotta, due di questi mondi furono cancellati, e l’uomo comparve su Ardania (del terzo mondo non si tramanda notizia alcuna). Gli Dei (non necessariamente quelli che ora conosciamo) chiusero per sempre la possibilità di viaggiare attraverso i Dedenjam e gli Antichi vennero quasi annientati, perdendo gran parte del loro potere. In questa epoca essi abbandonarono quasi totalmente quello che viene oggi definito continente umano, lasciando soltanto una roccaforte nel luogo in cui sorge Hammerheim attualmente. Soltanto gli Yiu si avvidero di ciò che era stato, mentre gli umani ed i nani ne persero totalmente coscienza. Forse un derivato della perdita del loro mondo?. Delle loro divinità?. Non posso fare supposizioni su delle leggende purtroppo. Quel che è venuto dopo è storia, e voi forse lo ricordate meglio di me. E’ più facile per un vecchio ricordare il passato che vivere il presente o la storia recente. Per me recente è un concetto discretamente esteso. A conclusione di questa parte dello scritto, posso dirvi cosa gli Antichi hanno scoperto negli 8 Dedenjam aperti verso altri Luoghi non visibili del proprio Argenjaly (questi Luoghi secondo gli antichi, erano comuni a tutti e quattro gli Argenjaly), sperando che ciò che scrivo sia vero e che la vita di un popolo valga poche righe:

  1. Il Luogo degli spiriti: qui si raccolgono le anime dei morti. Sembra che non tutte le razze siano destinate ad avere una transizione attraverso questo Luogo. E’ da qui che i sacerdoti possono richiamare le anime dei morti per parlargli, oppure per riportarle in vita. Si crede che è qui che il giudizio degli Dei interviene per sancire l’eternità dell’anima. I confini di questo vettore sembrano ricalcare quelli di Ardania. Gli esploratori di Yiu riportarono uno strano racconto. All’interno di questo Luogo vaga un guerriero in armatura completamente nera, con un enorme scimitarra sulla schiena. Non se ne descrivono le sembianze, ma sembra che esso sia il guardiano dei morti. Quando gli esploratori provarono a fare uscire un anima dal Luogo per studiarla, questo guerriero ne uccise la metà con una facilità disarmante, smettendo quando gli esploratori si arresero.
  2. Il Luogo oscuro: sembra che questo Luogo sia completamente avvolto dall’assoluta oscurità e che si abitato da creature in grado di vivere in un ambiente simile. La radizione orale non trasmette più di questo purtroppo. E’ un Luogo che sembra privo di scopo, almeno per la ma mente arrugginita. Non se ne conoscono i confini.
  3. Il Luogo dell’equilibrio: E’ un crogiuolo di elementi dove l’acqua, il fuoco, la terra e l’aria con i loro signori elementari vivono in armonia. La forza degli elementi primordiali si riversa in questo Luogo, che può essere considerato grande come il continente umano. Dai racconti dell’antico popolo sembra che gli abitanti del Luogo non si siano dimostrati affatto ostili.
  4. Il Luogo del Potere: questo è un Luogo che ha confini ristretti come l’isola dei pescatori. E’ completamente vuoto e permeato di forza magica. Non se ne tramanda altro.
  5. Il Luogo del Tulip: è un Luogo di cui non si conoscono i confini. Vi si trova un enorme albero bianco, dall’altezza sconfinata. Si dice che il Tulip di Ondolinde sia un piccolo rametto di questo albero. Forse sarò influenzato dal luogo in cui abito, ma non è da sottovalutare l’ipotesi, che questo possa essere il grande albero della mitologia nordica. All’interno di questo Luogo, attraverso i rami del Tulip si può accedere ad altri Luoghi.
    5a) Il bosco dei lupi: si dice che questo bosco grande quanto il Doriath sia casa di Beltalin e Suldanas. Nessun antico è tornato mai dai rami del Tulip quindi questa e quelle sottostanti sono soltanto visioni del posto giunte magicamente ai divinatori dell’epoca.
    5b) L’oceano delle barche volanti: Le dimensioni di questo Luogo non sono conosciute. Al suo interno vi è un oceano immenso dove nuotano ninfe. Sovente sono visibili barche volanti, colme di oggetti incantati di meraviglioso potere. Sembra che questo sia il Luogo di residenza di Earlann e Morrigan.
    5c) La tela dell’inganno: questo Luogo è relativamente piccolo. Grande come il sud Doriath contiene, come se una ragnatela gli facesse da amaca, un immenso castello. Sembra che nel castello dimorino Kelthra e Luugh.
  6. Il Luogo della rocca gemmata: E’ un immensa montagna (grande da sola alla base, come tutte le terre del Nord) scolpita a forma di rocca e completamente coperta di fasce di metallo ornate da gemme. Sembra che sia la residenza di tutte le divinità naniche.
  7. Il Luogo delle radici interrate: questo è un Luogo molto angusto e pieno di aria soffocante. Le sue dimensioni non sono definite, ma sembra sempre di essere in uno spazio chiuso molto piccolo. Questa è la dimora di Vashnaar e Sssi rooch. All’interno delle radici, si può accedere ad altri Luoghi collegati a questo:
    7a) Le lande degli orchi: in questa enorme pianura le divinità orchesche si danno perenne battaglia con eserciti di orchi non morti. Azgork guida le schiera le une contro le altre fino alla consunzione delle carni. Si racconta che quando l’antico incaricato giunse qui, le divinità orchesche lo attaccarono e lui riuscì a respingerle con tal vigore, che ne rimasero vive soltanto 3. Queste si spartirono il dominio delle altre divenendo più forti. Da qui la rinascita della prolificità orchersca.
    7b) Le schiere degli spiriti: da qui quelli che erano gli 8 spiriti, pianificavano la distruzione del mondo conosciuto. Si dice che questo piccolissimo Luogo, sia una stanza grande come il salone di un castello. Al centro ci sarebbe un tavolo di modeste dimensioni con 10 sedie.
    7c) Gli abissi dei principi: Il Luogo ha le dimensioni di una grande catena montuosa. Quasi tutte e montagne risultano spaccate ed all’interno in diversi livelli, si trovano i domini dei principi demoniaci. Qui i principi radunano le loro immonde armate.
  8. Luogo degli eroi: questo Luogo conduce in un salone senza confini, alle cui pareti ci sono innumerevoli porte. Qui è possibile incontrare eroi del passato e non c’è stato modo per gli Antichi ne di arrivare alla fine del salone, ne di aprire alcuna delle sue porte. Questo salone è la residenza di Crom, ed è legata ad altri vettori attraverso grandi cancellate:
    8a) Il parco dai mille giardini: questa sembra essere la residenza di Altea. Sono immensi parchi, dove è presente ogni delizia. La quiete è onnipresente ed ai confini del parco vi sono labirinti di siepi. Questi labirinti se affrontati, conducono sempre all’interno del parco, ma in punti diversi del confine.
    8b) La fucina di lava: la temperatura di questo piccolo Luogo è elevatissima. Troneggia un enorme incudine fatta di lava viva, al centro di un laboratorio artigiano molto elegante ed essenziale. Sembra che questa sia la residenza di Aengus.
    8c) La cascata della tartaruga: è un Luogo dove scorre un grandissimo fiume, che dopo essersi gettato in una cascata di incredibile bellezza, termina in un placido laghetto di montagna. Appena sotto la cascata, un enorme tartaruga sembra attendere che l’eternità passi. Si è tramandato che la tartaruga fosse Paravone, ma è una supposizione dell’antico visitatore. Questa è certamente la residenza di Danu.
    8d) La casa senza notte: questo Luogo è composto da una magnifica casa, con un giardino che la circonda. La casa è una villa a due piani, dove non è stato possibile entrare. Si suppone che nella villa abitino Oghmar e Awen.

 

  • - 46980 C.I. – L’antico impero arriva al culmine del suo splendore. Tutto è gestito dalla pacifica mano di Gryeden l’augusto. Le razze deboli vengono aiutate a crescere, le razze forti vengono educate ad incanalare la loro prestanza verso quel che è ritenuto giusto. Vengono fondate colonie in tutta Ardania.
  • - 30214 C.I. – Dopo millenni di opulenza i Tylerian (“signori delle scienze”) decidono di ampliare i propri orizzonti verso gli altri mondi visibili. Vengono costruiti i Dedenjam verso i tre pianeti conosciuti ed il Nut.
  • - 30112 C.I. – Vengono completate tutte le spedizioni verso i pianeti visibili con enorme successo, soltanto quella verso l’Ettanien termina rovinosamente. Si da la colpa alla chiusura improvvisa del portale che ha condannato a morte certa gli esploratori.
  • - 30111 C.I. – Diviene l’anno chiamato “dei draghi”. Il cielo si riempie di draghi che attaccano in gran numero le forze degli Yiu. Si reputa che ci possa essere una connessione tra l’avvento dei draghi e la fallita spedizione su Ettanien.
  • - 30105 / 20067 C.I. – vengono ricordati come gli anni dell’Oppressione. Gli antichi costrinsero le razze a sottomettersi per paura che l’attacco dei draghi li avesse fatti passare per deboli. Molte razze si estinsero sotto il gioco degli Imperatori del terrore. Sopravvissero soltanto le razze non ritenute pericolose per il futuro.
  • - 20065 / 20002 C.I. – Questo è il periodo denominato “I 61 fiori di tomba”. Gli antichi costruirono i 12 portali e cominciarono l’esplorazione per primi nei portali che conducevano agli 8 Luoghi. Successivamente per due anni, conquistarono e sottomisero le creature al di là dei portali per i 4 diversi Argenjaly .
  • - 20001 / 19999 C.I. – Il popolo di Djare giunge su Ardania e crea il suo primo insediamento nelle montagne del continente Est dell’antico impero.
  • - 19998 / 16298 C.I. – Le Guerre dei Portali. Nel -19466 viene distrutto l’ Argenjaly chiamato Grulland (“delle creature a forma di maiale”). Nel -18347 viene distrutto l’ Argenjaly Fresnocte (“dei morti che pensano”). Nel -17012 circa, l’uomo fece la sua comparsa su Ardania. In questi 2700 anni gli stessi Dei, utilizzando l’insieme degli elementi presenti nei loro luoghi di origine, si combatterono e combatterono gli antichi. Al termine di questo periodo, nell’anno – 16298 gli Dei chiusero i portali per sempre, rimandando gli Antichi su Ardania e riducendoli ad una pallida imitazione di quello che in precedenza erano.
  • - 16262 C.I. – Furono anni di assestamento, nei quali gli Antichi si ritirarono nel loro Impero d’ovest per rinsaldare le loro forze. Si crearono le prime lotte all’interno della collettività per decidere il destino del popolo. Acquisirono forza i movimenti Imperialisti e Decadentisti.
  • - 16261 / 15356 C.I. – Gli Anni del Mutamento. Gli antichi hanno una crisi comune in seguito ai traumi incredibili subiti, che disgregano quasi la collettività. Tra la volontà di dimenticare gli errori del passato e la consapevolezza di essere un popolo molto diverso da quello che conquistò più mondi, la collettività si ricompone e si rafforza. Viene indetto un consiglio dei Millenari e la decisione è quella di assumere una nuova identità. Per simboleggiare questo cambiamento gli antichi chiamano se stessi “Elfi” (cioè “nuovi”). Il consiglio durò più di 512 anni e istituì anche una nuova forma di comunicazione, la lingua elfica. Tra i popoli (Djaredin e elfi) venne tacitamente accettata la lingua degli uomini come lingua interrazziale.
  • - 15355 / 9569 C.I. – Era dell’Assestamento. Gli elfi estendono il loro dominio anche alle colonie umane, mentre gli Djare si insediano sempre più all’interno delle montagne. Insegnano l’arte metallurgica agli uomini e fanno con loro un patto di non belligeranza e di alleanza in caso di conflitto. Cominciano a nascere i primi insediamenti umani stabili, mentre i Djare possono già vantare un impero progredito.
  • - 9173 C.I. – In seguito alle rivelazioni avute dalla sciamana Dolort, si comincia a propagare tra gli uomini la fede nei “veri” Dei e si bandiscono i culti pagani. Dolort si professa Suprema sacerdotessa di Crom.
  • - 9172 / 8856 C.I. – Le persecuzioni di Suldanas. In questi anni Dolort (- 9153 / 9060) ed i suoi discepoli fondano le basi di quello che è oggi il Pantheon umano. I cultisti di Suldanas, perseguono tutti i fedeli umani, considerandoli blasfemi. Nonostante la loro efficace lotta e la loro magia, i sacerdoti umani riescono a far prosperare il culto in maniera segreta. Gli elfi abbandonano le persecuzioni resosi conto del livello di penetrazione delle nuove religioni nel -8855.
  • - 8855 C.I. – Anno della Processione. In questo memorabile anno, i grandi sacerdoti delle fedi umane, organizzarono un imponente processione. Milioni di persone si recano in pellegrinaggio verso la capitale delle colonie elfiche, chiedendo il riconoscimento del loro culto. Gli elfi vedendo l’immane mobilitazione, accolgono la richiesta degli umani, terminando le persecuzioni.
  • - 8740 / 6711 C.I. – Anni delle Bonifiche. Gli umani ed il popolo di Djare, mentre gli elfi sono ancora impegnati in conflitti interni, muovono grandi forze in una guerra contro i mostri presenti nel continente. Sono anni di sofferenze e di vittorie, di esperienza e di gloria. I capi umani, cominciano a venire scelti per la prestanza in guerra e per le abilità tattiche. Il carisma assume un tono di secondo piano. Una volte ripulite grandi zone abitabili queste vengono bonificate per gli insediamenti.
  • - 6600 / 4200 C.I. –Anni delle scoperte. La pace e la prosperità degli umani e
    degli Djare, cresce a dismisura. Si costruiscono gradi opere murarie e si
    commercia con gran profitto. Si comincia a delineare la società come noi la
    conosciamo.
  • - 5800 C.I. – Anno dell’Isolamento. Gli elfi annunciano alle loro colonie del continente ad Est che non saranno tollerate intrusioni nei territori Imperiali. Vengono fortificate le difese sui confini e negli insediamenti locali.
  • -5285 C.I. – . Prime avvisaglie dei falò senza luce (non riconosciute) che si propagheranno negli anni a seguire fino a divenire un disastroso conflitto tra imperialisti e decadentisti. Inizia dunque la cancellazione di gran parte dell'antica cultura elfica.
  • -5227 C.I. – La Fine della Dinastia Elfica. La cerimonia di incoronazione di Thorondil come re degli elfi viene bruscamente interrotta dall'orda di Ghaunadaur che aprofitta dei primi effetti dei falò per attaccare di sorpresa gli elfi. Gli imperfetti vengono sconfitti ma la casata dei Re è estinta.
  • - 5156 / 4800 C.I. – Le guerre per l’indipendenza. Gli uomini e gli Djare,
    sempre più sicuri delle loro possibilità, cominciano a sfidare l’autorità degli elfi
    per guadagnare l’indipendenza.
  • -4989/4889 C.I. – Dopo numerosi tentativi falliti ricreare un nuovo assetto di potere tra gli elfi, la casata drow causa lo scoppio di una terribile guerra tra gli elfi, la guerra dei 100 anni.
  • -4887 C.I. –. La casata Drow, sconfitta decide di andare in esilio nelle profondità della terra dove comincia a convertirsi a Luugh e Kheltra
  • -4872 C.I - . I Drow fondano Luughnasad nelle profondità della terra.
  • -4800/3900 – In questi secoli di terribile disfatta per gli elfi, che hanno perso una casata e che stanno subendo le croniche distruzioni dei falò senza luce, divene un importante punto di riferimento l'Oracolo dell'Odine dell'antica via, misteriosamente immune dagli attacchi dei decadentisti.
  • - 3989 C.I. – . La Dama Bianca, rappresentante dell'Oracolo dell'Ordine dell'Antica via, ed in pratica guida degli elfi per tacito consenso ottiene la neutralità da parte degli umani per la ventura guerra con gli Djare.
  • - 3965 C.I. – Vi è una terribile battaglia su quella che è l’ultima colonia dell’oramai continente umano. Gli Djare e gli elfi si affrontano, mentre gli umani si tirano indietro all’improvviso. Gli Djare vengono sconfitti e deportati dagli elfi. Gli umani approfittano della situazione per prendere possesso di più ampie zone.
  • - 3964/ 3837 C.I. – Al termine della deportazione, il popolo di Djare svanisce senza traccia dal continente. La storia li dimentica lentamente. Gli elfi si ritirano nel continente ancora proibito agli uomini, ad ovest del mare.
  • - 3964/3943 C.I. – Anni di definitiva repressione interna dei decadentisti tra gli elfi. Essi tuttavia, con un ultimo gesto riescono finalmente ad annientare anche l'Oracolo dell'Ordine dell'Antica Via, ed uccidono la Dama Bianca.
  • - 3901 C.I. –Anno dell'Esodo. Dopo molte discussioni gli elfi quenya decidono di lasciare la casata dei sindar nella foresta e di viaggiare verso nord per fondare un loro reame, vengono guidati verso nord da Finwerin Eldamar. Arabella dichiara quello stesso anno la nascita del regno di Tiond degli elfi silvani e ne diviene regina.
  • - 3893 C.I. - Dopo un lungo viaggio e molto lavoro, comincia a nascere una città per i quenya nel Nord, viene detta Ondolinde, e quell'anno viene incoronato primo re Finwerin Eldamar, l'elfo che li aveva guidati con lungimiranza.
  • - 3842 C.I. – Anno dei Saluti. Alcune famiglie quenya, col permesso di Finwerin lasciano Ondolinde guidate dal principe Marip'in Elenion e cominciano a viaggiare per l'Hildoriath.
  • - 3801 C.I. –Anno dell'Elfo sul Mare. Marip'in fonda Rotiniel, divenendone primo re
  • - 2777 C.I. – Anno del Conflitto dei Saggi. Si racconta che in quel tempo i saggi fossero molti più di tre e che essi guidassero le schiere degli uomini. Un conflitto di potere sconvolse la gerarchia e fece sconfiggere i saggi tra di loro. Queste creature di grande potere si annientarono l’un l’altro fino alla loro quasi totale estinzione. Questo periodo portò un grande sconvolgimento della politica umana. I saggi restanti, si ritirarono a vite eremitiche in posti molto lontani l’uno dall’altro. il Saggio Hisie en'Yevia con un suo seguito di elfi lascia le terre note per un isola misteriosa a nord, che sparisce nelle nebbie.
  • - 1400 C.I. –Anno dei Fiori Spenti. Il tulip è colpito da una grave malattia e da quest'anno ricomincia la conta degli anni elfica.
  • - 878 C.I. – La Fondazione. Gli umani fondano un villaggio in un luogo che avevano temuto come maledetto per secoli;il luogo è la penisola dove prima risiedeva la capitale delle colonie elfiche ed il villaggio viene chiamato chiamato Hammeheim.
  • - 856 C.I. – Anno delle Cavallette. In quest’anno si ricorda un invasione di cavallette senza precedenti. Ogni raccolto fu distrutto, e ci furono malattia e carestie. Più della età degli esseri umani mori in seguito a questo evento.
  • - 826 C.I – Ad Ondolinde il potere va in mano ufficiosamente ad Aredhel Eldamar, che diviene Ninque Heri, amministrando il regno al posto del padre, ancora nominalmente Aran.
  • - 812 C.I. - Un consiglio di 2439 elfi, decide in 144 anni la necessaria bonifica della zona di Ilkarin dalle paludi che infestavano il luogo, per aprire una nuova via commerciale sicura. Successivamente alla bonifica, nascerà un fiorente villaggio.
  • - 681 C.I. – L’anno del Serpente. In quest’anno un folto gruppo di druidi, veneranti gli uomini lucertola, tenta di fondare una città in onore delle sacre creature. I sacerdoti indicono una caccia al druido. Sia le creature adorate che i druidi vengono distrutti. Della città, costruita vicino al deserto tanto caro a quegli animali, rimane soltanto una piccola oasi magica.
  • - 312 C.I. – L’anno del Viaggio. Dopo anni di fiorente sviluppo, la civiltà umana, oramai divisa in piccoli principati ed imperi commerciali, decise di esplorare le nuove terre. In una ridente prateria non troppo distante dalle montagne, alcuni coloni fondarono il paese di Edorel.
  • - 253 C.I. – Anno dell’orso bianco. Alcuni viaggiatori, dirigendosi verso le terre del Nord, avvicinano un gruppo di uomini nomadi che non avevano sviluppato nulla più che l’artigianato di base. La loro cultura premiava l’uso della forza e la legge del più forte. Caratteristica curiosa era la loro abitudine a coprirsi di pelli il corpo, e la testa con un copricapo d’orso. Vennero chiamati barbari.
  • - 139 C. I. – Anno della Città di Ghiaccio. I barbari, educati e guidati da Groedar l’astuto, fondarono una grande città dal nome Helcaraxe, sulle coste di un isola a cui diedero lo stesso nome. Nel loro vecchio dialetto il nome Helcaraxe significa “ghiacci stridenti”. Essi prosperarono e si avvicinarono sempre più alla media della cultura umana del tempo.
  • - 106 C.I. – Anno delle Rane con le Gambe. Durante questo anno tutte le città marittime subirono un invasione di mostri a forma di pesce antropomorfo. Le invasioni furono respinte con facilità, ma queste creature portarono un epidemia conosciuta come “febbre di mare”. La febbre colpiva soprattutto gli anziani ed i bambini. Le nascite ebbero uno spaventoso calo.
  • - 57 C.I. – Anno delle Comete. Nelle notti di questo anno si poterono vedere ininterrottamente interminabili serie di comete luminose solcare la volta superiore.
  • - 31 / 16 C.I. – Anni dell’Oro. In questi anni, vennero scoperti grandi giacimenti d’oro nella catena dell’Orus Maer. Tantissimi prospettori si arricchirono portando nuova linfa nell’economia umana. La cittadina di Edorel, vicina alle zone più ricche, si ingrandì, divenendo una tra le principali del continente. Si creò una zona di raccolta dei prospettori, che divenne un fulcro commerciale. La zona è ora conosciuta come il Trivio. La costruzione della storica locanda risale a questo periodo.

1 Postapritore del Primo Anno Imperiale - Corrisponde alla data di fondazione dell'Impero, quando cioè Ametraal Da Silva ascese al trono di Hammerheim, sconfiggendo ed esiliando le cinque famiglie aristocratiche al potere. Da qui potete seguire l’ottima storia di Fergus Worthley, primo storiografo Imperiale.

A me piace pensare che qualcuno, dal suo Argenjaly, possa guardare Ardania. Possa sognare qualcosa di noi, o magari scambiarsi una promessa d’amore sotto la sua immota presenza.

Gartax di Picco dell’Aquila

 

 

Copyright 2001-2007 The Miracle Shard. Tutti i diritti riservati.
Sito creato da Omen e Pier.
Mantenuto da TMStaff.