Dal 2001, probabilmente il miglior gioco di ruolo online





Seguici su Facebook!

Votaci su GDR-online.com

hit counter

Votaci su UOShards

  Untitled Document

In questo manoscritto io lascio la Conoscenza dei fatti, delle persone e delle forze celesti che agirono in Ardania da quando iniziai ad interessarmi di questi affari fino ad oggi, giorno in cui gli Dei stanno per chiamarmi a render conto del mio operato. Un unico augurio lascio al lettore: che possa trovar utile cio' che su queste pagine e' vergato, poiche' la storia e' nuova solo se mai ci si volta a guardare quel che alle spalle si e' lasciato.

Il mese di postapritore comincia con uno strano presagio: una cometa scintillante appare visibile nei cieli di tutti i continenti. Grande e' la meraviglia tra i popoli, di ogni razza e nazione, e in tanti concili di saggi si discute dell'argomento. Il mese e' altresi' importante per le genti dei regni degli uomini in quanto il 21 di questo mese viene dichiarato l'Impero dell'Ovest, riunente i domini delle citta' di Edorel ed Hammerheim.

Pochi eventi caratterizzano queso mese che trascorre tranquillo e laborioso, con i cuori colmi di gioia fra il Torneo del Nuovo Impero e solenni cerimonie.

Il mese di Macinale e' caratterizzato dal risvegliarsi delle forze oscure: sia tra i ghiacci di Helcaraxe che nelle foreste del Doriath qualcuno trama con scopi malvagi. Kun Gardar, a capo del Clan del Picco Insanguinato semina morte nelle lande settentrionali, mentre gruppi di drow attaccano le citta' elfiche.

La catastrofe e' avvenuta. La cometa apparsa nei cieli ha proseguito imperterrita la sua marcia davanti agli occhi inorriditi dei cittadini di Edorel fino a schiantarsi sulla citta' radendola completamente al suolo. Ora un immenso cratere ha preso il posto delle vecchie mura, e gli abitanti, ormai profughi, hanno intrapreso una lunga marcia per raggiungere le citta' amiche vicine, riversandovisi. Gli altr eventi rilevanti di questo mese, passati in secondo piano sono l'assedio di Kun Gardar alla citta' di Helcaraxe, la morte del Sultano di Tremec all'eta' di 69 anni, e l'instaurazione della Repubblica Senatoriale alla guida di Rotiniel. Ma gli occhi di tutti sono puntati sulle ceneri fumanti di Edorel.

Kun Gardar e' sconfitto! Questo e' il grido di speranza che sale dal Nord a rincuorare gli animi. L'oscuro servitore di Vashnar e' stato sbaragliato dall'esercito di Helcaraxe nella battaglia finale per la liberta' del popolo dei ghiacci.

La vita sembra tornata a scorrere al suo normale ritmo: nessuno sconvoglimento e' all'orizzonte, solo buone notizie, come il matrimonio tra Melshir e Sarducas, celebrato ad Hammerheim il diciannovesimo giorno del mese.

Dopo la rovina, gli uomini tentano di raccogliere le forze. E' proprio della loro natura continuare ad andare avanti e ricostruire. Questa volta e' la citta' di Hammerheim, la piu' colpita dall'ondata di profughi conseguente alla cometa, a fare la propria mossa proclamando la nascita dell'impero di Westlands, con a capo Grifis. Anche l'Accademia dell'Arte subisce un cambiamento al vertice: Luxor e Zaratu di Zorn sono i nuovi tetrarchi.

Un manipolo di uomini del nord, venuto a Ondolinde a discutere della precaria situazione diplomatica delle due città, è stato scacciato, armi in pugno, da guardie della splendente e guerrieri di Tiond, avendo infranto il divieto che impedisce agli estranei di mettere piede nella città. La situazione diplomatica tra i due popoli è ora precipitata, venti di guerra spirano da oriente a occidente, e l'ombra di un nuovo bagno di sangue si allunga su Ardania.

La situazione e' degenerata e i barbari del nord e l'alleanza degli elfi vengono a duri scontri non appena ne hanno l'occasione. Cio' insegna che la storia e' ciclica.. gia' una volta era stato commesso l'errore di combattere unicamente per la diversita' razziale, e solo la rovina era stata per i contendenti, senza nessun vincitore.

Rotiniel e' al centro del rinnovamento: cambia il Senato, viene riformata la Flotta, e una grande festa accompagna tutte queste investiture. Il secondo motivo di giubilo e' finalmente la pace stipulata tra i popoli dei ghiacci e gli elfi, firmata in una solenne cerimonia svoltasi nella Splendente tra Ghera di Tiond, Siriel e Nahim di Rotiniel, Claus von Kessel di Helcaraxe ed Arion Syrmyl come loro ospite. La pace sempre porta gioia in chiunque la stipuli, e i popoli dei due continenti ora possono guardare con maggior speranza al futuro. Sull'onda del successo ottenuto con il trattato Arion viene poi innalzato al rango di Haran di Ondolinde il 23 del mese, seguito subito dopo da Ghera, incoronato a Tiond. Infine e' Helcaraxe a rinnovare la sua guida acclamando Claus von Kessel suo nuovo Jarl. La guerra, dopo tanta morte e distruzione, ha lasciato un substrato dormiente di vita, che ora esplode in tutta la sua potenza costruttiva.

Il fatto centrale del mese e' la lotta intestina all'Impero delle Westlands: l'accademia guidata da Sarducas "doveva tornare a splendere di Luce Propria e no di essere il riflesso di una stella gia morta". Con queste parole i maghi umani si sono riuniti per far guerra al loro re. Altro evento importante, e molto piu' lieto, e' la nascita della Lega delle Arti e dei Mestieri a Rotiniel, con un allegro presidio permanente di mercanti ad occupare la piazza.

Nell'ultimo mese dell'anno gli animi sono rivolti all'inverno e al suo rigore. Tutti quanti si preparano a superare al meglio la stagione piu' dura, e sono poche le occasioni di iterazione tra i popoli. I pochi eventi degni di nota sono l'inasprimento delle pene per i banditi voluto dal Senato Magister di Amon, o la ricomparsa di alcune spedizioni drow verso Ondolinde, o un rimpasto di governo a Rotiniel. Tutte le genti di Ardania sono ora proiettate alla stagione futura, a quando le nevi si scioglieranno e i passi saranno di nuovo percorribili.

 

 

Copyright 2001-2007 The Miracle Shard. Tutti i diritti riservati.
Sito creato da Omen e Pier.
Mantenuto da TMStaff.