Dal 2001, probabilmente il miglior gioco di ruolo online





Seguici su Facebook!

Votaci su GDR-online.com

hit counter

Votaci su UOShards

  Untitled Document
 

Vari sono i calendari utilizzati dalle varie stirpi, razze e popoli nel continente e nelle isole.Fattori religiosi, razziali,culturali hanno portato la creazione di diversi modi di misurare il tempo;
la crescente espansione dell'Impero comportò tuttavia,col passare degli anni,una omogenea distribuzione del sapere umano in ogni angolo di Ardania.

Poco si conosce riguardo alle origini dei nomi dei mesi o dei giorni.Solamente in questa epoca di pace, uomini dotti hanno potuto abbandonare la spada e dedicare il proprio tempo,tra le varie discipline,all'etimologia e allo studio della lingua.

L'Anno Imperiale si rifà ai due passaggi consecutivi del Sole nel giorno dell'Equinozio di Primavera ed è pari a 365 giorni, 5 ore, 48 minuti e 46 secondi.
Il Primo Anno Imperiale corrisponde alla data di fondazione dell'Impero, quando cioè Ametraal Da Silva ascese al trono di Hammerheim, sconfiggendo ed esiliando le cinque famiglie aristocratiche al potere. Dopo che l'impero è stato dichiarato sciolto si è scelto di utilizzare questo calendario per continuare la tradizione. E' composto da 12 mesi dalla durata differente, per motivi storici legati agli antichi culti,ed è diviso in 4 periodi uguali chiamate Stagioni. I nomi sono elencati di seguito:

Passiamo in rassegna i nomi dei giorni della settimana;di essi si ricordano solo i nomi,nulla ci ricorda le origini,anche se presumibilmente si rifanno a nomi di divinità arcaiche.Essi sono in numero di sette,si crede in virtù del particolare significato arcano di questo numero.
Essi sono: Lunedì,Martedì,Mercoledì,Giovedì,Venerdi,Sabato,Domenica,l'ultimo e giorno di festa.

Ad Hammerhem,per indicare una particolare data,si segue questa sequenza: si indica,se si vuole,il nome del giorno(Lunedì,Martedì,ecc…),si enuncia il giorno,nella sequenza mensile,poi il nome del mese e in seguito l'Anno Imperiale.
Per esempio quest'oggi,il giorno in cui scrivo queste righe,potrebbe essere cosi indicato:
Mercoledì,Quattordicesimo Nembonume del 265esimo Anno Imperiale.

Tratto dall'opera "Le Origini della nostra Cultura" dell'Astronomo Imperiale Argius Baseyl.

 

Negli ultimi anni il rapporto con la razza elfica, per lungo tempo rimasto nell’indifferenza e nel reciproco sospetto verso gli abitanti dei Regni umani, è andato via via migliorando, creando forti legami basati sul commercio, la cultura, l’amicizia ed il reciproco scambio di conoscenze.
Sono risaputi quindi, da parte dello studioso, i tempi e i modi in cui gli Elfi scandiscono il tempo, pur tenendo per sé tali usi, utilizzando per comunicare con le altre razze, l’attuale riferimento delle popolazione umane di Ardania, ovvero l’ Anno Imperiale e ciò che ne consegue.

In primo luogo, non esistono nomi né modi di contare le ore nella giornata: nei tempi passati ci si riferiva, mediante termini caduti ormai in disuso, all’inclinazione dei raggi solari nei diversi periodi dell’anno, mentre i giorni non avevano alcun nome che li differenziasse. Si tenga presente comunque che gli Elfi non hanno mai avuto, prima dell’avvento dell’uomo, la necessità di suddividere la loro lunga vita in intervalli ristretti(e a loro detta “frenetici”) quali quelli adottati dall’uomo.

Si utilizza ancora, nelle comunità elfiche venute meno a contatto con la cultura umana, la vecchia nomenclatura dei mesi. Essi sono, partendo dal corrispettivo del nostro PostApritore: Narwain, Ninui, Gwaeron, Gwirith, Lothron, Nòrui, Cerveth, Ural, Ivanneth, Narbeleth, Hithui, Girithron, ognuno costituito da 30 giorni, più il mese di Arda, di 5 giorni (di 6 nei bisestili).
Non esiste, invece, una vera e propria conta degli anni: il periodo di riferimento è la fioritura dell’albero sacro denominato Tulip, il cui ciclo di evoluzione ha durata di 78 anni umani. Si hanno notizie comunque di una revisione del calendario avvenuta più di un migliaio di anni fa, dalla quale il conteggio è ripartito da zero, a causa di una malattia dell’Albero Bianco, e che durante la stesura del seguente trattato si è nel periodo della Ventunesima fioritura. Approssimativamente si utilizza quindi una datazione simile alla seguente: oggi è il Ventunesimo giorno di Cerveth, della Ventisettesima parte della Ventunesima fioritura del Tulip.

Per quanto riguarda i Nani, razza per lungo tempo nascosta nelle viscere di Ardania e di cui per lungo tempo si era perso anche il ricordo, da quanto appreso nei pochi scambi venutisi recentemente a creare, si può notare come anch’essi adottino una nomenclatura a dodici mesi, curiosamente suddivisi nello stesso numero di quelli umani, con l’ultimo atto a rendere di omaggio alla famiglia regnante.
Si parla quindi dei mesi di: Cot, Zert, Drenat, Formeghet, Puste, Hug, Wqut, Ytor, Jnust, Morgot, Archon, Gridopossente, mentre per quanto riguarda i giorni,essi vengono calcolati in base a semplici numeri,a partire da una data particolare di cui gli esponenti di tale razza non amano raccontare i dettagli. Utilizzando come esempio la data di stesura della revisione attuale, in questo momento si è nell’anno 4233, giorno 19, di Wqut.

 

 

Copyright 2001-2007 The Miracle Shard. Tutti i diritti riservati.
Sito creato da Omen e Pier.
Mantenuto da TMStaff.