Dal 2001, probabilmente il miglior gioco di ruolo online





Seguici su Facebook!

Votaci su GDR-online.com

hit counter

Votaci su UOShards

  Untitled Document
Tremec - Loknar - Villaggio Qwaylar - Tortuga - Il Rifugio

Uno dei luoghi più ricchi di mistero e fascino è senz'altro il Deserto di Tremec, parte centrale delle Terre Selvagge. A dispetto di quello che sembra a prima vista, il deserto è ricco di vita. Forgiata dal clima e dalle costrizioni che un simile ambiente comporta, ogni specie è coinvolta in una guerra perenne per la sopravvivenza e questa feroce evoluzione si rivela spesso mortale per chi si addentra nel deserto senza un'adeguata preparazione. Appartengono alla storia i destini di molti uomini caduti in agguati di bande organizzate di predoni e uomini ratto, o divenuti preda di scorpioni dal veleno letale.

Al centro del deserto, come miraggio e speranza di salvezza, si innalzano grandi mura: state per varcare le porte dell'Oasi di Tremec.

L'esistenza dell'Oasi stessa è considerata un dono divino, l'unica fonte di acqua nel raggio di miglia e miglia, il lago Raya, come è stato battezzato dal popolo Tremecciano.

Dall'architettura stessa di Tremec si evincono caratteristiche tipiche del popolo del Deserto. La costruzione più imponente è senz'altro il palazzo del Sultano, figura centrale nella gerarchia di Tremec, dove lusso e sfarzo sfrenato si contrappongono alle condizioni medie di vita degli altri abitanti dell'Oasi. Edificio maestoso, che si erge dalle acque stesse del lago, in un richiamo alla sacralità dell'acqua, è il tempio in onore della principale divinità tremecciana: Akkron. Questa struttura è l’emblema di quanto sia radicata la devozione e il ringraziamento del popolo verso il proprio dio.

Non mancano luoghi di notevole interesse culturale, la biblioteca di Tremec raccoglie numerosi scritti e testi sacri, dove la storia si mischia alla magia in un connubio unico e imprescindibile.

Altresì importante è l'arte del combattimento, che ha reso possibile la sopravvivenza a tutt'oggi di questo popolo, di questo ne è testimonianza l'arena dei duelli, che durante i giorni di festa rappresenta un notevole punto di aggregazione per la popolazione sia autoctona che straniera.

Cuore pulsante dell'Oasi è il bazar, dove è difficile rimanere indifferenti a un turbinio di colori, aromi, sensazioni, dove si incontrano genti di ogni parte di Ardania in cerca di buoni affari.

Generosa è l'ospitalità di Tremec verso lo straniero, un'accogliente locanda e un lussuoso bordello sono di conforto e ristoro per il lungo viaggio intrapreso.

Che il vento del deserto vi sia favorevole...

 

Copyright © 2001-2007 The Miracle Shard. Tutti i diritti riservati.
Sito creato da Omen e Pier.
Mantenuto da TMStaff.