Amon : Usi , Costumi , Religioni
Valorium Darkbane e Tuzzis , Consoli di Amon


SALUTO
E indetto il saluto ufficiale imperiale da tenersi come saluto a qualsiasi carica militare in segno di rispetto e di onore e come segno di identità e di appartenenza all'Impero.

Il Saluto prevede SUPRA VIRES
il Saluto di commiato e VALE GLORIA IMPERIS

Non verranno accettati saluti come ciao, we, wella e anche salve e salute.
Ovviamente Cittadini stranieri saranno liberi di salutare secondo le loro usanze e i loro costumi.

POLITICA RAZZIALE

Gli Elfi non faranno parte dell’Impero tranne coloro che hanno dimostrato onore e valore in battaglia e hanno rinnegato la loro terra, i loro dei. Nessun elfo potrà far parte del Senato Magister benchè possa ambire a cariche “minori”
Gli Elfi potranno accedere alla città di AMON SOLO in concomitanza con festività e spettacoli ma dovranno pagare una tassa e ritirare dalla legione un permesso di soggiorno giornaliero di durata variabile in base al periodo festivo, scaduto il quale dovrà allontanarsi.
I Mezz’elfi saranno tollerati all’interno dell’Impero, non vi e limite alla carica raggiungibile.

COLORI CITTADINI
In ogni edificio rivestito di una certa importanza è fatto obbligo esibire i colori della città. I vessilli imperiali dovranno essere affissi in ogni torre, mura, bastione e in tutti gli edifici pubblici e privati.
Tutti i Cives dovranno indossare mantello e casacca con i colori imperiali, a quei negozianti che si rifiuteranno di farlo verrà ritirata la licenza di commercio.
Un legionario deve indossare mentre e in servizio sempre la CASACCA BIANCA e il MANTELLO ROSSO
Quando non e in servizio deve indossare il solo mantello ma non ha diritto di esercitare il suo potere se non indossa prima la casacca che lo riconosce come militare
Un Cives deve indossare SEMPRE IL SOLO MANTELLO ROSSO.
Cives o legionari trovati sprovvisti del mantello rosso verranno denunciati e saranno multati.
Al di fuori del territorio Imperiale non e obbligatorio indossare l'uniforme ma tale atto non e gradito.

GRADI E TITOLI
E di fatto divieto esibire la TAG tramite guildstone per tutti i membri imperiali
I gradi saranno riconoscibili SOLO tramite uniforme e tramite una fascia che riporterà nome e grado del militare
Tale fascia dovrà sempre essere esibita da TUTTE le cariche militari all'interno del territorio imperiale, al di fuori dei confini la scelta e facoltativa.

FESTIVITA’ E GIOCHI
L’Impero offre ai suoi Cives spettacoli sempre diversi.
Sarà cura del Governatore organizzare le manifestazioni, le gare nell’arene, le feste, i giochi.
Il Governatore ha l’OBBLIGO di organizzare MINIMO un GRANDE EVENTO e due PICCOLI EVENTI OGNI MESE
pena la perdita della carica
Per Grande Evento si intende un torneo di gladiatori, uno spettacolo teatrale, una gara olimpica
Per Piccolo Evento si intende una serata con un bardo, una grigliata alla taverna in cui e invitata tutta la cittadinanza e altro


USO DELLA MAGIA ARCANA

In città e di fatto proibito usare la magia arcana, e severamente vietato aprire Gate nei confini delle guardie e markare rune
L’uso della magia e consentito solo in caso di legittima difesa
E severamente vietato inoltre aggirarsi vicino le città in compagnia di creature demoniache frutto di esperimenti magici.
La magia clericale è consentita su tutto il territorio imperiale senza alcun vincolo ne restrizione

RELIGIONE
Nell’Impero vi è libertà di Culto senza restrizione.
La religione ufficiale è quella devota al Dio Crom
L’Impero autorizza la professione della fede in base alle disposizioni della Chiesa che avra il pieno potere spirituale.
La Chiesa risponde dinanzi al Senato di crimini commessi dai suoi membri.
Il Culto delle divinità pagane elfiche è proibito all’interno dei Confini Imperiali. L’Impero non riconosce il pantheon elfico MA non si intromette nelle culture e pratiche degli elfi.
E quindi severamente proibito aggredire sacerdoti elfici con motivazione religiosa senza autorizzazzione da parte del Senato. Sacerdoti elfici che entrino nell’Impero con simboli pagani non riconosciuti saranno allontanati.