VIII
La Corruzione di Edorel e il Tradimento di Tormod


Merita una menzione particolare ciò che accade in Edorel tra gli A.I 132 e 140. La città era oramai divenuta un centro di primaria importanza non solo per le regioni circostanti, ma anche per i regni al di là del fiume. Molte delle ricche famiglie di Hammerheim mandavano i propri figli secondogeniti a studiare alla celebre Accademia dell'Arte di Edorel. Il governo della regione, affidato al Magistero dei Primarchi con sede ad Edorel, era sempre stato retto e giudizioso. Nell'A.I 132 Tormod Wardrop fu nominato Rettore dell'Accademia e Sommo Primarca. Egli era stato fra i più brillanti allievi di Durathor, e dopo aver partecipato alla attaglia del Faver, divenne un ottimo e rispettato educatore dell'Accademia. Tuttavia con il tempo Tormod pareva cambiare. L'alta carica che ricopriva cominciò a muovere in lui un sfrenata ambizione e bramosia di ricchezza. Sotto la sua reggenza Edorel si stava trasformando, da ameno luogo di studi, nel parco divertimenti del Continente. Non si fece scrupolo di promuovere la pratica della corruzione e della clientela in seno al Magistero così come in tutte le istituzioni. Pochi anni dopo aveva già accumulato un enorme patrimonio ed il suo potere risultava grandemente aumentato. Il Magistero fu privato delle sue funzioni e l'intero Primarcato sprofondò nel vizio e nella corruzione.Tormod, che rimaneva un sommo conoscitore delle Arti Arcane, faceva un uso spregiudicato e malvagio della magia. Nel suo delirio di onnipotenza un solo problema lo angosciava: il suo essere mortale; non poteva concepire il fatto che un giorno il suo potere potesse finire per sempre. Così fece costruire dai propri schiavi una grande torre nei recessi più bui della foresta di Edorel, ed in essa allestì un attrezzatissimo laboratorio. Per tutti gli anni seguenti tralasciò ogni altra occupazione per dedicarsi unicamente alla ricerca della formula dell'immortalità. Le assenze sempre più prolungate di Tormod dalla città avvantaggiarono i maghi dell'Accademia, che poterono organizzarsi al meglio per contrastare il suo potere. Tormod non si faceva vedere da oltre un anno, dunque nell'A.I. 140 i Primarchi dell'Accademia ripristinarono il Magistero, esiliarono i maghi malvagi e corrotti, seguaci di Tormod e misero fine al suo dominio. Di lui nessuno ebbe più notizie. Alcuni individui poco attendibili affermarono di averlo visto vagare di notte nei pressi del cimitero di Edorel. Quel che è certo è che nessun essere umano sano di mente osò più avvicinarsi alla torre di Tormod; ed essa, con il tempo, fu dimenticata insieme al proprio malvagio padrone.