Magia e Conoscenza Elfica

Dopo alcuni mesi di tregua e relativa pace, gli elfi Oscuri, servi di Luugh, tornano a solcare le terre del Doriath sotto la luce del sole: non sono poche infatti le segnalazioni di drappelli di armati Drow avvistati indistamente in tutto il continente.



Le incursioni sembrano non avere fine, per una che viene annientata, dieci scorrazzano indisturbate per le terre degli Elfi. Tutte quante sono composte da un gruppo di guerrieri di scorta a una squadra di scavatori. Vengono persino fatti prigionieri, come la mezza drow Janis, che ora e' integrata nella societa' di Tiond la Verde.
Nessuno sa il motivo di queste incursioni, ma le biblioteche delle citta' elfiche vengono visitate da viandanti mezz'elfi, che si e' poi scoperto essere al soldo degli elfi scuri, a caccia anch'essi di informazioni riguardo ad un sito di scavo di massima importanza.
Le ostilita' culminano in quella che e' la piu' grande battaglia aperta recente tra elfi e drow: almeno quattrocento elfi scuri sfidano sul campo le forze congiunte delle tre citta' elfiche. I drow si erano arroccati a difesa intorno a degli strani scavi nel deserto elfico.

Con la vittoria schiacciante degli elfi viene recuperata una verga in uno strano legno leggerissimo, dal colore dorato. In seguito si scopre che questa verga e' detta della Conoscenza, ed e' la chiave per un immenso ed antico potere.
Dopo settimane di ricerche in varie biblioteche Naurabrannon riesce a trovare un trattato in cui si parla della Verga, ed un rituale legato ad essa. Ma le pagine non menzionano quali sono gli effetti del rituale, e nessuna successiva ricerca riesce a svelare l'arcano. Cosi' gli elfi esitano, imbrigliati dalle decisioni dei potenti, e il rituale non viene celebrato per quasi un mese, finche' il permesso non viene accordato e i preparativi per il rituale svolti ad Ilkorin.

Cinque giganteschi fuochi vengono accesi, ed in essi vengono fatti sciogliere lingotti d'oro, ossa, un teschio, e due zaffiri. Infine viene piantata la Verga al centro del fuoco centrale, e un terremoto squassa la terra. Dalle fiamme si erge un golem dorato, con gli zaffiri al posto degli occhi che emettono una luce fiammeggiante. Il golem afferma di essere il Guardiano della Conoscenza, e, dietro richiesta degli elfi, apre il portale..

Varcatolo, gli elfi si trovano di fronte al Globo della Conoscenza, una sfera splendente, che, dopo aver dato loro il benvenuto, con una voce tonante spiega che e' il custode dell'antico sapere magico degli elfi, e in quest'ora di necessita' ai piu' degni tra gli attuali abitanti del Doriath sara' elargita la Conoscenza degli antichi, necessaria a ricacciare il male.

Dopo pochi istanti il globo sparisce, seguito da Luxor e Naurabrannon. E' giunta voce che anche altri elfi siano scomparsi: Mewan di Ondolinde e Zoltrix di Tiond. Non e' tuttavia escluso che altri elfi siano scomparsi.. ora si attende il loro ritorno per sapere cosa hanno appreso dal Globo..