Setta di Necromanti a Deanad

Era una tranquilla sera di mezza estate in quel di Deanad quando alcuni viandanti che si trovavano a passare in quelle case ormai fatiscenti sentono provenire dall'antica chiesa a nord del villaggio una strana litania.. Avvicinatisi alle porte della cattedrale notano all'interno una quindicina di figure sedute su delle panche intente a salmodiare in uno stato di trance arcane parole e tetre melodie.

In mezzo al salone in un pentacolo disegnato col sangue di una vacca sgozzata una figura vestita di nero e con un cappuccio sembra presiedere alla cerimonia e gettando polveri nel pentacolo ecco che richiama a se gli spiriti irrequieti degli antichi abitanti di Deanad...
In pochi minuti dal cimitero accanto fuoriescono decini di morti che camminano e i due viandanti si danno alla fuga chiedendo aiuto a coloro che incontrano sulla strada...

Ben presto attorno alla cittadina ormai brulicante di creature senza vita si forma un gruppo di arditi avventurieri provenienti da tutte le parti di Ardania che ingaggiano subito uan furiosa battaglia con le schiere non morte.


Purtroppo la mancanza di coordinazione porta al massacro di molti giovani e piu di una volta i corni da guerra devono suonare la ritirata.

Mentre i guerrieri combattono sulle prime linee alcuni cominciano ad avvicinarsi alla fonte di quella strana litania per scoprire che un gruppo di necromanti ne è responsabili.


L'ingresso alla cattedrale è però sigillato da uno strano quanto macabro rituale...l'accesso e possibile solo sacrificando la vita di un giovane bambino.


I dilemmi morali presto svaniscono quando altri cadono sotto i colpi mortali di cavalieri d'ossa, una giovane vita viene sacrificata e l'accesso alla cattedrale è dunque liberato.
Ma la paura e il timore di cosa attende colui che valica l'ingresso è tanto e molti rimangono paralizzati fuori dalla chiesa...alcuni hanno l'ardire di entrare ma appena il necromante si accorge della loro presenza si scatena subito uno scontro e quelli all'esterno presi dallo sconforto e dalla paura di morire si apprestano a chiudere i portoni senza accorgersi di aver intrappolato i propri compagni all'interno condannati ad una fine atroce.


Mentre da dentro le urla dei feriti si fanno udire nella loro glacialità, in nome del Dio Crom i nostri eroi si fanno coraggio e preparano un piano che ha come scopo attrarre all'esterno il necromante...

il piano sembra funzionare e infatti appena il necromante esce convinto di avere a che fare con pochi pazzi dalle ombre e da dietro le case ecco uscire guerrieri valorosi e astuti come il Primarca di Edorel, il ladro Ali ma anche gente di Tiond e di altre citta. In nome di Crom il necormante viene sconfitto e i suoi discepoli trucidati.

Addosso ai corpi vengono ritrovate delle Collane d'ossa inconsuete
Purtroppo i motivi di questi fatti non hanno avuto ancora risposta.