Il Pentimento di Redual Asterot

Dopo la scomunica del pontefice e la conseguente scomparsa dei sacerdoti da
Amon la situazione nella città militare era peggiorata e le peggiori
malattie giravano per le vie.
Redual contrasse lui stesso la malattia e dopo una settimana di sofferenze
decise di riappacificarsi con la chiesa chiedendo un incontro con il sommo
concilio.


Il re di Amon conveni al sacro tempio di Hammerheim per discutere dei
rapporti tra Chiesa e il suo regno in una lunga discussione in cui il
regnante espose i motivi delle sue affermazioni .

Alla fine lo stessò re capi i suoi errori e dovette con grande sforzo di
umiltà chiedere prima scusa e poi giurare
fedeltà al sacro concilio.

Ora Redual Asterot per penitenza dopo l'annullamento della sua scomunica
dovrà ritrovare la sacra spada di Crom per riconsegnarla al patriarca di
Crom Vargut iniziando una grande ricerca per tutta Ardania...

19 Antedain 266 - il Sacro Concilio riunito ad Amon

Ieri 18 Antedain del 266 anno imperiale il sommo concilio dei sacerdoti umani d'Ardania si è riunito per decidere il futuro spirituale delle terre umane.
In regni dove ormai Vashnar inizia a far breccia e i regnanti si impicciano delle pratiche religiose decidendo chi deve amministrare i culti c'è bisogno di una grande riforma, il concilio dunque delibera:
- D'ora in poi sarà solo la Chiesa a decidere l'avvicendamento di tale cariche e solo la chiesa deciderà come amministrare i sacramenti, MAI più un sovrano potrà decidere sommi sacerdoti o quant'altro perchè potere temporale e spirituale d'ora in poi saranno divisi, le proprietà della chiesa sul suolo dei vari regni verranno a loro volta rivendicate dal Clero e i Re non avranno più alcun diritto su di esse.
-Il concilio indirà giorni di festa secondo il calendario e processioni per i fedeli, nonche feste patronali.
-
- I sacramenti verranno riformati dando ad ogni Dio ciò che è di quel Dio; vada ad Awen la santificazione dell'amore e la celebrazione del matrimonio; vada ad Aengus la santificazione delle armi e la preghiera prima della battaglia; vada ad Althea la benedizione delle messi e il battesimo dei nuovi nati; vada a Danu la preghiera del marinaio e del pescatore e il battesimo dei nuovi vascelli; vada ad Oghmar Dio cieco della sapienza, la benedizione dello studioso e la santificazione dei luoghi di sapere; ed infine vada a Crom il sacramento della riconciliazione divina e la santificazione dell'eterna giustizia,
l'estremo addio invece verrà officiato in base alla virtù che il deceduto ha più seguito in vita, il grande guerriero dirà addio con il culto di aengus, il grande marinaio con il culto di danu, il grande studioso con quello di Oghmar, l'agreste lavoratore della terra con quello di Althea, la dama che ha donato solo dolcezza e compassione con quello di Awen e l'uomo illuminato con sete di giustizia darà il suo ultimo addio con il sacramento del sommo Crom.

Il concilio ha deciso di eleggere dei patriarchi per ogni culto in modo da avere figure carismatiche in grado di gestire al meglio i sacramenti e i fedeli, le cariche decise sono le seguenti:

Liam Wintertale dei ghiacci di Helcaraxe sarà d'ora in poi patriarca di Aengus e suo vicario in terra

Melshir di Edorel sarà d'ora in poi matriarca di Awen e simbolo del suo amore tra i mortali

Vargut di Amon sarà patriarca del sommo Crom e sommo guardiano della sua giustizia in terra

Gorash Silverblade di Edorel sarà patriarca temporaneo di Danu in terra e come tale sarà il simbolo della potenza di Danu tra i mortali finche non sarà trovato un candidato che segua solo la via di Danu in quanto il sommo Gorash è devoto al culto del sommo Crom.

Per Althea e Oghmar si è deciso di attendere un valido candidato.
Il Concilio vuole inoltre domandare all'ordine druidico per quanto riguarda Althea e alle accademie per quanto riguarda Oghmar, se esiste un chierico illuminato che venera una di queste divinità, che sia posto alla sua attenzione.

Come ultima elezione si è tenuta la votazione del Pontefice di Ardania, colui che indirizzerà il concilio con i suoi consigli e che sarà sempre pronto a rispondere alle domande di sacerdoti e fedeli. Questa carica avrà durata trimestrale, e ogni 3 mesi si dovrà fare un elezione con possibilità di rielezione del vecchio pontefice.
Il Concilio ha eletto il sottoscritto Aral Caladan, che ha prestato giuramente di restituire l'incarico se non degno della leadership dell'assemblea.

Io Aral Caladan come Pontefice ho elargito 3 decisioni approvate dal concilio:

I Patriarchi non indosseranno nessuna divisa cittadina, bensi indosseranno l'abito da cerimonia che rappresenta il loro culto.

Ulrich Farsyu Paladino di Crom avrà il compito di formare un ordine di paladini in grado di difendere la chiesa d'Ardania dal male, e in grado di diffondere il sacro verbo tra le genti.

Infine come ultima decisio io Aral Caladan, getto la prima pietra per la creazione della sacra inquisizione d'Ardania che avrà il compito di investigare su riti oscuri di Vashnar e altri dei, nonchè di inquisire gli eretici che verranno poi esorcizzati da persone capaci come la sacerdotessa Melshir, che ha già provato in passato la sua abilità, esorcizzando l'allora maresciallo Ridfort posseduto da un demone.

Con queste 3 decisioni si conclude il verbale della riunione del sacro concilio, che Crom illumini con la sua luce tutti i fedeli.